E-learning: il futuro dell’apprendimento

Internet e le nuove tecnologie rappresentano una rivoluzione epocale, in grado di trasformare ogni campo della società. Tale rivoluzione, però, non è stata ancora pienamente recepita dal sistema scolastico italiano che rimane strettamente legato agli antichi modelli di insegnamento. Riflettere su come sfruttare la rivoluzione digitale per rendere l’insegnamento più efficace è una sfida che coinvolge tutti quelli che lavorano in quest’ambito.

Download

Nativi digitali, analfabeti digitali

I millennials vengono spesso definiti “nativi digitali”, intendendo con questa espressione degli individui che considerano la tecnologia come un elemento naturale. La definizione di nativi digitali contrapposta agli immigranti digitali è stata proposta nel 2001 da Marc Prensky, nel saggio Digital Natives, Digital Immigrants [1]. Al di là del dibattito sulla scientificità o meno di questa espressione, si può osservare come essere nativi non implica necessariamente il sapere utilizzare al meglio ciò che si considera naturale. Come avviene con le lingue, si può avere come lingua nativa l’italiano e non conoscere a fondo la grammatica o non saper usare la lingua in modo appropriato. Con le tecnologie avviene lo stesso. Moltissimi giovani usano le tecnologie in modo naturale ma estremamente limitato: non sanno come effettuare delle ricerche in modo efficace, non sono capaci di scegliere le parole-chiave (keywords) giuste, non sono in grado di selezionare e discernere le fonti, non sanno cosa sia e come funzioni una newsletter, usano poco le email, non hanno la capacità di curare la propria esposizione sul web, non conoscono le leggi che vigono su internet e neppure i codici di condotta virtuali (netiquette) che regolano le interazioni. In poche parole: molti nativi digitali sono analfabeti digitali.
Osservando la situazione in questo modo ci è più facile comprendere perché l’uso diffuso delle tecnologie non abbia portato a un sostanziale miglioramento delle conoscenze, come molti teorici sostengono [2], e in che modo si possono inquadrare molti fenomeni di cyberbullismo così come i veri e propri crimini su internet (dalle violazioni dei diritti d’autore alle forme di persecuzione o alla violazione della privacy). A tal proposito, è bene notare che gli incontri che vengono organizzati tra i ragazzi e i vari esperti (psicologi, poliziotti, ingegneri informatici ecc…) servono soprattutto a sensibilizzare sulle conseguenze di certi atti, non a educare a un uso migliore di tali tecnologie. Non sarebbe neppure efficace pensare a delle lezioni frontali in cui spiegare come internet possa essere utile e come utilizzarlo. Per educare i nativi digitali è necessario utilizzare la stessa lingua.

I vantaggi della piattaforma e-learning

L’e-learning è una metodologia di apprendimento basata sull’uso delle nuove tecnologie [3]. Tale metodologia di apprendimento è oggi sempre più frequente nel mondo anglosassone, soprattutto in ambito universitario, e nel mondo aziendale ma risulta ancora estraneo al sistema scolastico italiano.
Le piattaforme e-learning sono dei siti web a cui accedono studenti e insegnanti per condividere del materiale didattico. Tale materiale viene presentato in modo da permetterne un uso autonomo da parte dello studente e per questa ragione si parla di e-learning e non e-teaching, dal momento che l’autonomia di chi apprende rimane centrale. Il materiale viene presentato per lo più come forma di corsi [4], con letture, video, esercizi con correzione automatica e spazi dove permettere una riflessione più articolata che può essere condivisa e discussa con altri studenti.
L’e-learning, è bene dirlo in modo esplicito, non sostituisce la didattica tradizionale ma ne è un valido supporto. La didattica frontale, specialmente se consente le interazioni, e la guida di un tutor esperto della materia sono ancora oggi i metodi più efficaci di apprendimento stabile.
La piattaforma non è un social network perché, anche se sono possibili delle forme di interazione tra studenti, l’obiettivo non è quello di creare dei legami sociali o mantenere dei contatti e l’accesso alla piattaforma è possibile fintanto che si è legati alla istituzione/scuola, avendo pertanto un numero di partecipanti ristretto.

Come strutturare la piattaforma e-learning

La piattaforma dovrebbe prevedere del materiale didattico suddiviso in corsi e test in base agli argomenti e alle materie. Ogni corso presentato avrà un test di valutazione con domande a risposte multiple e, in alcuni casi, con possibilità di produzione scritta degli studenti. Le produzioni scritte potrebbero essere visibili a tutti gli studenti mentre il risultato dei test di valutazione saranno visibili solo agli insegnanti.
La piattaforma dovrebbe essere accessibile solo attraverso delle credenziali che vengono attribuite agli studenti all’inizio del loro percorso formativo. L’accesso alla piattaforma sarà quindi impossibile ad altri se non a loro e solo fino a quando saranno studenti. Gli insegnanti, anch’essi dotati di credenziali, potranno accedere alla piattaforma per inserire i propri corsi, visualizzare il lavoro svolto dagli studenti e moderare gli interventi negli spazi dove sono permessi i commenti degli studenti. I corsi inseriti dagli insegnanti dovrebbero essere confermati da un coordinatore che valuterebbe l’omogeneità tra i vari corsi e potrebbe suggerire correzioni per rendere i corsi calibrati per la piattaforma. I corsi presenti, con il tempo, verrebbero a costituire un vero e proprio patrimonio di conoscenze della scuola, in grado anche di fare la differenza nell’orientamento della scelta da parte dei genitori.
Come incentivare i ragazzi a seguire questi corsi? Innanzitutto, i ragazzi saprebbero che il professore può vedere chi ha frequentato il corso e potrebbe tenerne in considerazione, qualora lo studente in aula fosse in grado di aver acquisito quelle conoscenze. Gli studenti, poi, che avessero dei voti oscillanti possono essere invitati a seguirne alcuni. Infine, gli stessi studenti, a gruppi o a classi, potrebbero essere invitati a pensare e preparare loro stessi dei corsi da mandare online, sempre con la supervisione dei loro insegnanti.
Su una piattaforma pensata per le scuole superiori si possono immaginare vari tipi di corsi:

Corsi di base o di recupero: rivolti agli studenti con bisogni speciali. Questi corsi sono pensati soprattutto per studenti con difficoltà di tipo linguistico o con lievi problemi cognitivi, ma possono essere utili anche come punti di partenza per chi trova delle difficoltà in alcune materie. Tali corsi sono quindi ideali per ragazzi stranieri (con almeno il livello B1 di italiano, secondo il quadro europeo delle lingue [5]), ragazzi sordi, dislessici ecc… I testi per questi corsi devono essere preparati ad hoc tenendo in considerazione i suggerimenti di Tullio De Mauro [6]: frasi semplici, periodi il più possibile brevi, con costruzioni esplicite, vocabolario di base con termini tecnici ridotti al minimo e chiariti all’occorrenza e senza usare impliciti culturali. Di ausilio sono sicuramente l’uso di immagini, video e parti del testo colorate. Il tutto, ovviamente, rimanendo nelle regole della lingua italiana e rendendo il testo interessante. Come è evidente, scrivere un testo facilitato non è all’inizio né intuitivo né facile, ma bisogna ricordare che questi sono corsi di supporto e che non è necessario che coprano tutto lo scibile né che ciò avvenga tutto in una volta [7]. Ogni corso può essere perfezionato col tempo.

Corsi di approfondimento o di eccellenza: rivolti agli studenti che vogliono saperne di più. Molti insegnanti lottano per terminare il programma ministeriale in classi con molti studenti e tutti con esigenze e interessi diversi. In tale contesto è difficile avere il tempo per dare a ciascuno degli spunti da cui partire. I corsi di approfondimento sono pensati proprio con la finalità di stimolare gli studenti ad approfondire gli argomenti di studio, anche attraverso un approccio interdisciplinare. Tali corsi presentano, infatti, dei conteniti (testi, video ecc…) creati originalmente o presi da altre fonti, dove gli argomenti trattati in classe vengono visti da altri punti di vista. Possiamo pensare a un corso dove viene presentato un paragone tra Giacomo Leopardi e Arthur Schopenhauer o tra il decadentismo di Oscar Wilde, quello di Joris-Karl Huysmans e quello di Gabriele D’Annunzio o ancora versioni di latino da tradurre direttamente in altre lingue.
Gli studenti, in tali corsi, possono essere invitati a lasciare proprie riflessioni sotto forma di commenti che da una parte andranno a impreziosire il corso stesso e dall’altra educheranno gli stessi studenti a commentare un testo sul web in modo ragionato. Sarebbe così, al contempo, un’educazione alla propria esposizione sul web seppur in un contesto limitato e circoscritto.

Corsi generici e obbligatori per tutti: rivolti a tutti gli studenti e/o insegnanti. È bene che ci siano dei corsi obbligatori per gli studenti (e magari qualcuno anche per gli insegnanti), sia perché in questo modo sono spinti ad utilizzare la piattaforma e sia perché, così facendo, si possono far circolare delle informazioni ritenute importanti e di natura non strettamente didattica. Si può pensare ad un corso sul regolamento scolastico, sul cyberbullismo, sugli effetti del fumo o delle droghe sull’organismo ecc…

Test generali di fine scuola: rivolti a tutti gli studenti. I test generali non sono corsi ma possono aiutare nell’e-learning. Si possono fornire dei test agli studenti di varia natura: cultura generale, logica o specifici per le varie discipline, sul modello degli alpha-test. Tali test potrebbero mostrare agli studenti le lacune da colmare o delle parti da approfondire nel caso in cui fossero intenzionati a proseguire gli studi. Sono quindi pensati sia come orientamento e sia come preparazione ai test di ingresso universitari.

Costi e tempistica

Il costo della realizzazione di tale piattaforma è relativamente basso, se si considera che per la sua realizzazione sono necessarie poche caratteristiche come lo spazio web, un sistema di accesso riservato con registro delle credenziali e una assistenza tecnica minima. Su internet sono comunque disponibili piattaforme anche a titolo gratuito [8].
Il vero lavoro sarà la realizzazione e l’inserimento dei corsi che richiederà più tempo, sforzi e organizzazione e non potrà che avvenire in modo graduale e coordinato.

Ulteriori sviluppi

La piattaforma e-learning così pensata può vedere la partecipazione di più scuole, sul modello già utilizzato dalle università nel progetto Coursera [9] così come può evolversi collaborando con le case editrici, siti web specializzati o divulgatori scientifici già presenti nel web.
La piattaforma e-learning, oltre a rappresentare uno strumento efficace per gli studenti e rappresentare un patrimonio di conoscenze per la scuola, potrebbe permettere in futuro delle lezioni capovolte, le cosiddette “flipped classroom” [10], dove gli studenti entrano dapprima in contatto con l’argomento didattico in modo autonomo e lo analizzano in modo interattivo con l’insegnante in classe.

Note

[1] http://marcprensky.com/digital-native/
[2] https://ed.stanford.edu/news/technology-can-close-achievement-gaps-and-improve-learning-outcomes
[3] https://www.unich.it/fusero/pdf/LEZ%20%20A.pdf
[4] Esempio di corso: http://tomascipriani.it/introduzioneallafilosofia
[5] http://parliamoitaliano.altervista.org/certificati-della-lingua-italiana/
[6] T. De Mauro, Guida all’uso delle parole, Roma, Editori Riuniti, 1980) e Capire le parole, Roma-Bari, Laterza, 1994
[7] Esempio di testo facilitato: http://parliamoitaliano.altervista.org/velina/
[8] Esempi di piattaforme e-learning http://ischool.startupitalia.eu/education/53640-20160419-elearning-piattaforme-open-source
[9] https://www.coursera.org/
[10] http://www.uq.edu.au/teach/flipped-classroom/what-is-fc.html

Share

Introduzione alla filosofia

La nascita della filosofia è strettamente legata alla civiltà greca. Per capire l’origine del pensiero filosofico, però, è fondamentale comprendere il momento storico in cui è nato e per comprendere il momento storico è necessario osservare anche il contesto geografico in cui nasce. Il pensiero è sempre influenzato dalla storia e dalla geografia quindi è sempre importante tenerle ben presente. La filosofia, in ogni caso, non si può ridurre alla storia o alla geografia, perché le domande filosofiche sono domande sempre attuali.

Filosofia greca

Share

Critica della vittima – Il potere immacolato

Critica della vittima - Daniele GiglioliCritica della vittima è un pamphlet scritto da Daniele Giglioli, per i tipi della Nottetempo, nel 2014. Il libercolo è, appunto, una critica al paradigma vittimario. Bisogna innanzitutto sepcificare che questa critica non è un’indagine su chi siano queste vittime e se esse siano realmente tali, non è una mortificazione e neppure uno smascheramento delle presunte vittime. La critica della vittima non si rivolge al chi ma al cosa comporti essere vittime, quindi al potere che ne scaturisce.

«La vittima è l’eroe del nostro tempo. Essere vittima dà prestigio, impone ascolto, promette e promuove riconoscimento, attiva un potente generatore di identità, diritto, autostima. Immunizza da ogni critica, gatantisce innocenza al di là di ogni ragionevole dubbio. Come potrebbe la vittima essere colpevole, e anzi responsabile di qualcosa? Non ha fatto, le è stato fatto. Non agisce, patisce. Nella vittima si articolano mancanza e rivendicazione, debolezza e pretesa, desiderio di avere e desiderio di essere. Non siamo ciò che facciamo, ma ciò che abbiamo subìto, ciò che possiamo perdere, ciò che ci hanno tolto». (p. 9)

Se essere vittima o, ancora meglio, difensori delle vittime è fonte di potere, la critica della vittima appare oggi quanto mai necessaria. Infatti, dal momento che l’essere vittima ci mette nella condizione di poter agire al riparo da critiche (chi critica le vittime è tacciato di mancanza di empatia) allora apparire come vittima diventa l’aspirazione di chiunque punti al potere.

La vittima subisce e le sue azioni sono reazioni, pertanto chi agisce sembra impossibilitato ad agire diversamente. Quindi non è possibile neppure criticare l’agire della vittima. Ciò genera una profonda confusione tra libertà e irresponsabilità. Siamo liberi in quanto siamo responsabili di quel che facciamo, ma se non è possibile agire in modo diverso, allora non si può venire considerati responsabili per le nostre azioni.

Critica della vittima

La vittima è tale perché soffre, quindi non può smettere di soffrire, il suo dolore è perpetuo e viene costantemente sottolineato. Il dolore perpetuato, però, genera rabbia e tiene vivo il risentimento. La rabbia e il risentimento non si esauriscono perché a questo dolore non ci può essere soluzione.

Nel paradigma della vittima, la storia, intesa come processo condiviso, che è pubblicamente discutibile, diventa storia privata, quindi memoria che non può essere contestata, con la conseguenza di nutrire l’immaginario a discapito dell’analisi.

Lo status di vittima o difensore costituisce una forma di identità e il passato diventa l’unico strumento che orienta l’azione, contrastando ogni forma di traformazione. Da ciò ne consegue che l’identità che lo status conferisce è una identità così irrigidita che non ammette la contraddizione o il conflitto che dovrebbero essere processi naturali della società. Esige un’azione universale.

Tale spinta all’azione, nel momento stesso in cui fa appello alla vita negata, presenta quindi dei caratteri mortiferi:

«La proposopea della vittima rafforza i potenti e indebolisce i subalterni. Svuota l’agency. Perpetua il dolore. Coltiva il risentimento. Incorona l’immaginario. Alimenta identità rigide e spesso fittizie. Inchioda al passato e ipoteca il futuro. Scoraggia la trasformazione. Privatizza la storia. Confonde libertà e irresponsabilità. Inorgoglisce l’impotenza, o la ammanta di potenza usurpata. Se la intende con la morte mentre fa mostra di compiangere la vita. Copre il vuoto che soggiace a ogni etica universale. Rimuove e anzi rigetta il conflitto, grida scandalo alla contraddizione. Impedisce di cogliere la vera mancanza, che è un difetto di prassi, di politica, di azione comune». (p. 107)

La critica alla vittima non vuol dire non riconoscere che la vittima sia tale, che il suo dolore non sia vero dolore e che l’appello alla responsabilità non sia un appello giusto. Pur riconoscendo che la vittima è vittima, il dolore è dolore e la responsabilità resta responsabilità, è fondamentale vigilare verso i mistificatori che cercano di sfruttare la forza della condizione della vittima.

Smascherati i mistificatori, è importante, sottolinea Giglioli, restituire questa forza ai proprietari. La prima mossa in tale direzione consiste nel «cominciare o ricominciare a sentirsi parti in causa, non rappresentanti di una universalità spettrale» (p. 111), contrastando così «l’ossessione cospirativa», l’idea che tutta la società sia unita contro le vittime, perché questa ossessione è semplicemente una «razionalizzazione fallace» (p. 110).

La forza della vittima deve essere una spinta ad agire rifiutando, innanzitutto, una risposta unanime perché «una risposta unanime è soltanto una risposta falsa» (p. 111). Accettare che il conflitto non è risolvibile, accogliere la pluralità, sentirsi parti in causa sono strumenti fondamentali per evitare che la forza della vittima si risolva in un lubrificante dei meccanismi del potere.

Share

Declamare poesie in strada – La poesia inattuale

 

LisbonaLe cose più belle ti arrivano gratis e la vera gioia sta sempre in un incontro
inaspettato. Quando vivevo a Lisbona, facevo delle lunghe passeggiate. In una di quelle, mentre camminavo con un’amica, mi son fermato a vedere delle foto fatte da un artista di strada. Quello che le vendeva, però, non era il fotografo, era un suo collega e amico. Lui, il venditore, era invece un poeta e declamatore di poesie. Quando gli ho detto che amo la poesia me ne declamate tre.
La prima di queste, scritta da lui, avrei voluto fissarla nella memoria ma ne ricordo solo alcuni versi che recitavano più o meno così:

“Volevo amare, e ho odiato,
Volevo perdonare, e ho castigato,
Volevo dare, e ho preso,
Alla fine volevo morire, ma ero già morto”

E io che volevo ricordare ho già dimenticato, mi verrebbe da aggiungere.
L’uomo ci ha, poi, invitato a un reading di poesia che si tiene tutti i mercoledì sera nella Praça das flores 8. Il luogo che ospita queste letture di poesie è un piccolo bar privato dove si entra solo se si conosce già il luogo.
Ho scoperto quel mercoledì che quegli incontri di poesia sono molto conosciuti tra i poeti portoghesi e, così mi han detto, gran parte dei poeti contemporanei hanno declamato le loro poesie lì. I portoghesi pubblicano molte poesie e ci tengono particolarrmente alla fama del Portogallo come di un paese di poeti.
La serata è stata aperta da una donna che, da come ho saputo, ha organizzato questo evento fin dall’inizio. Ha esordito con il vibrante boa noite, scandito al microfono. Il boa noite è il saluto che si usa per la sera ma, come ha sottolineato, più che un semplice saluto è un augurio.
Ogni partecipante era libero di sedersi a turno sullo sgabello davanti agli altri e declamare al microfono due poesie, che potevano essere proprie o di autori celebri. Gli altri ascoltavano sui propri divanetti, bevevano e qualcuno mangiava. Io ho preso un tè. L’età media era sopra i 50 anni e il locale era pieno, nonostante non fosse un giorno particolare. Purtroppo diverse persone fumavano e così il locale si era riempito di fumo, rendendo l’aria irrespirabile.
Per un attimo mi son sentito in un’altra epoca, un po’ per l’atmosfera e un po’ per la poesia che, come mi vien da pensare, è sempre inattuale.

Share

Fiori d’un istante – Poesia in piccoli tratti

Ko Un - Poeta, scrittoreEra inverno quando ho conosciuto le poesie di Ko Un, nel gennaio 2006. L’occasione è stata la presentazione della traduzione in italiano di una sua raccolta di poesie sŏn (zen), Fiore d’un istante, ad opera di Vincenza D’Urso per la Cafoscarina. L’incontro mi era stato suggerito da un’amica coreana ed era organizato a Roma, dall’Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente (IsIAO).
Ko Un è uno degli scrittori coreani contemporanei più importanti:  nella sua carriera ha scritto più di 140 volumi, le sue opere sono state tradotte in 14 lingue ed è stato finalista per il premio nobel in più occasioni. La sua biografia, oltre alla sua poesia, è poi estremamente interessante. Nasce nel periodo dell’occupazione giapponese della Corea, in cui la lingua coreana era vietata a scuola. Vive il dramma della guerra che dividerà il suo paese, le varie dittature militari fino alla rinascita della Corea democratica. Come è stato detto durante quell’incontro: la Corea è stata distrutta varie volte e varie volte ha saputo rialzarsi. Ko Un vive tali vicende storiche in modo molto personale e molto intenso: dopo il tentativo di suicidio che lo lascerà sordo ad un orecchio, il poeta diventa monaco buddista per poi tornare allo stato laicale, si abbandona dapprima alla depressione che lo porterà ad un nichilismo estremo e alla fine deciderà di combattere per i diritti civili nel suo paese; causa, questa, che lo porterà in prigione diverse volte.
In uno di questi periodi di prigionia, a Ko Un viene permesso di leggere solo il vocabolario e questo lo spinge a concentrarsi ancora di più sulle parole e sul loro significato. Oggi dirige un progetto, con studiosi di entrambe le Coree, per la compilazione di un dizionario pan-coreano che preservi l’unità linguistica tra i due paesi.
Non tutti i poeti riescono a leggere in pubblico le proprie poesie, ma Ko Un riesce a trasmettere una grande passione nella sua lettura, anche a chi non conosce la lingua coreana (ne è un esempio il video sottostante).
La poesia ha un potenza creatrice che travalica ogni cosa.

Fiori d'un istante - Ko Un
L’ho visto scendendo
quel fiore che non avevo visto
salendo.

Come possono esistere solo fiori?
da quella parte
osserva anche l’arido letto del fiume
niente degno di essere visto
quello potrebbe essere il tuo amore.

Andate in Somalia
e guardate il vostro capitalismo
guardate il vostro socialismo
guardate gli occhi di bambini che muoiono di fame.

Un antico poeta disse
il paese è distrutto
ma le montagne e i fiumi resistono

il poeta di oggi dice
le montagne e i fiumi sono distrutti
ma il paese resisterà

il poeta di domani dirà
ahimè
le montagne e i fiumi sono distrutti
il paese è distrutto
tu
ed io siamo finiti

Mentre remavo
ho perso il remo

solo ora mi giro a guardare la grande distesa d’acqua.

Questo mondo…

qui una farfalla che svolazza
lì la dimora di un ragno.

Quella stupenda villa d’un ricco magnate
è disperazione per i mendicanti
e speranza per i ladri

Share

C’è differenza – L’importanza delle parole

Le parole sono importanti e le lingue offrono espressioni che sembrano simili ma che sono profondamente diverse. Queste parole le ho scritte per alcuni amici nel marzo 2013.

Foglie al vento

C’è differenza

Tra essere ossessivi ed essere coerenti.
Tra chiudere gli occhi e stringere i denti.
Tra prendere per mano e trascinare.
Tra ispirare qualcuno e plagiare.
Tra ridere insieme e insieme deridere.
Tra il chiedere con garbo e l’esigere.
Tra il romantico e il patetico.
Tra il cotone e il tessuto sintetico.
Tra lasciare spazio e annullarsi.
Tra farsi da parte e appartarsi.
Tra lo sfogarsi e il piangersi addosso.
Tra la tempesta e il mare mosso.
Tra dare con la pancia e dare con il cuore.
Tra provare fastidio e sentire dolore.
Tra l’essere soli e l’essere liberi.
Tra le persone e i mammiferi.
Tra illuminare la strada e accecare.
Tra scuotere la coscienza e giudicare.
Tra scrivere a qualcuno e informare.
Tra donare con grazia e prestare.
Tra la rabbia più cieca e la frustrazione.
Tra il tenere in vita e la mortificazione.
Tra il dire qualcosa e il parlare.
Tra lasciare andare e abbandonare.
Tra il talento e la passione.
Tra realismo e disillusione.
Tra intelligente e intellettuale.
Tra comunitario e solidale.
Tra ciò che è facile e ciò che è semplice.
Tra essere informato ed essere complice.
Tra il giorno di festa e la festa del giorno.
Tra chi ti vuole accanto e chi ti vuole intorno.
Tra l’essere sensibile e l’essere emotivo.
Tra l’essere istintivo e l’essere impulsivo.
Tra tracannare birra e sorseggiare vino.
Tra avere una visione e illudersi.
Tra il ritirarsi e il chiudersi.
Tra il nero e il marrone.
Tra un aereo di carta e un aquilone.
Tra insegnare ed essere modello.
Tra quel che piace e ciò che è bello.
Tra una porta socchiusa e una finestra spalancata.
Tra un tenue sorriso e una risata.
Tra l’ammettere e il concedere.
Tra continuare, andare avanti e procedere.
Tra perdonare e giustificare.
Tra abituarsi a stare insieme e continuare ancora ad amare.

Share

Come fili d’erba che si piegano

Buona Ventura - Caravaggio“La puzza da profugo non se andava mai via!”, questa frase mi è rimasta impressa tutti questi anni. Ho lavorato per circa un anno con una suora che era stata in Cambogia e mi raccontava che, per quanto provasse a lavare i vestiti, a far areare il posto in cui viveva, c’era un odore forte che non se ne andava mai. L’ho pensato varie volte quando sentivo una puzza di stantio che veniva da alcune persone. Qualche italiano e molti rom.

In Italia ci sono due gruppi principali tra quelli che vengono chiamati zingari: i rom e i sinti. Si chiamano così perché nella loro lingua quelle parole indica la loro gente. La gran parte di loro è italiana, nata qui e con i documenti italiani. Ciò non è strano. Ci sono molte persone nate qui che hanno costumi e lingue diverse da quelle riconducibili ai canoni tradizionali (semmai ce ne fossero): quelli nati in provincia di Bolzano che parlano tedesco e non si nutrono di pasta, i valdostani col francese, alcuni calabresi col greco antico, i sardi ecc…

Viaggiando spesso con i mezzi e dato che sulla strada per casa dei miei c’è un campo rom, con molti di loro ci ho viaggiato con regolarità.
Nei primi anni dell’università ho conosciuto una ragazza molto carina, avrà avuto 18-19 anni. Capelli neri, raccolti, orecchidi dorati, stivaletti, ben truccata e suonava la fisarmonica. Normalmente la fisarmonica è una cosa da uomini, nella loro cultura. Evidentemente lei era una rom sui generis. Aveva una fierezza nello sguardo che poteva esser scambiata per arroganza ma aveva anche un bel sorriso benevolo. L’ho rivista qualche tempo fa, mentre facevo visita ai miei. Aveva un figlio e un compagno. Ho pensato che si fosse uniformata. Ma questo, forse, perché ho in testa l’idea che una donna forte debba essere una donna sola. Invece è più probabile che una tosta sia tosta sempre.

Una volta ero sul bus e di fronte avevo un ragazzo rom, con i capelli biondastri e un sorriso a 32 denti (qualcuno cariato). Cominciamo a parlare e mentre il bus passa davanti ad una concessionaria mi dice che vorrebbe avere un’auto come quelle. Io penso tra me e me: perché non la rubi? Però poi gli dico: io no, non ho neanche la patente. E lui ride: neanch’io!

Una sera ero sulla metro A con la matta della metro A: una signora sui 60-70 anni, bassina, bionda, con I guanti alle mani che urla sempre che è in ritardo. Una sorta di versione horror del bianconiglio. Sale una donna rom con il figlio in braccio e comincia la sua tiritera: “sono una ragazza povera, con solo 5 centesimi…”. Mentre sta parlando l’altra donna le fa: “ebbasta! Anche io sono povera ma non faccio questo teatro!”. La rom si ferma, la guarda e comincia a camminare a passi decisi senza neanche distogliere lo sguardo. Si avvicina, mette la mano nel borsello e tira fuori tutti le monete che aveva, ed erano un mucchio, e le fa: “tieni”. La matta la guarda stupita e fa: “Che? Ma no… tienili tu, ne hai più bisogno di me. E comunque scusa se ti ho rovinato lo spettacolo!”.

Certo, ho visto alcune ragazze rubare, ho visto un vecchietto che puzzava tanto da costringermi ad allontanarmi. Ma ho visto anche un ragazzo di 12 anni insultato da altri, ho visto gli spintoni ricevuti, le derisioni. Conosco le difficoltà che hanno gli operatori sociali quando cercano di mandare i bambini rom a scuola e conosco i problemi del tornare a casa dopo lavoro e temere di essere derubato o anche del dover viaggiare con i cattivi odori.

Parlare dei rom come fossero un mucchio indistinto, non-umani, intendendo con questo la possibilità di fargli cose che neppure vogliamo che siano fatte agli animali. Parlare dei rom dimenticando non solo la pietà e il rispetto, ma anche la realtà oggettiva: i rom non sono tutti Casamonica. Parlare dei rom dimenticando che nei campi di concentramento c’erano anche loro, insieme a ebrei, omosessuali, cristiani dissidenti. Tutto questo non è politicamente scorretto e quindi giusto. È stupido.

C’è una canzone rom che recita: noi rom siamo come l’erba del campo, che può piegarsi sotto la pioggia ma torna sempre ad essere accarezzata dal vento.

Share

Fiabe, racconti e tradizioni insolite

Der Struwwelpeter - Favole tedescheC’era una volta una bambina che, nonostante le fosse stato proibito, cominciò a giocare con fiamme e fiammiferi. Improvvisamente l’abito e i capelli presero fuoco e morì incenerita. Un bambino fu ripetutamente avvisato di non succhiarsi i pollici, ma lui imperterrito continuava. Così un sarto lo insegui e glieli tagliò con delle grosse forbici. Tre ragazzi videro un giovane nero e cominciarono a deriderlo sghignazzando. Nikolaus li vide e li gettò in un calderone pieno di inchiostro rendendoli più neri della notte.

Der Struwwelpeter

Queste appena narrate sono alcune delle fiabe più celebri nel nord Europa. Tali favole si trovano nella raccolta “Der Struwwelpeter“, in tedesco, e sono scritte come filastrocche. Il testo è stato scritto da Heinrich Hoffmann nel 1845, quando il suo figlio maggiore doveva compiere tre anni. Hoffmann, che di professione era medico e psichiatra, aveva deciso di scrivere il libro per il figlio come regalo di Natale, raccontando delle storie a suo dire divertenti. Il libro è stato poi pubblicato ed è divenuto talmente famoso da entrare nell’immaginario collettivo. In Italia il testo è stato tradotto, con il titolo “Pierino Porcospino“, da Gaetano Negri per i tipi della Hoepli‎, dove tutt’ora è presente nel catalogo. In inglese è stato, invece, tradotto da Mark Twain.
Pierino Porcospino - Favole tedescheLe dieci storie presentate con simpatici disegni, sono tutte a scopo educativo, come da tradizione. I protagonisti delle filastrocche sono soprattutto bambini disobbedienti o distratti che, a causa delle loro azioni, ricevono dei castighi a volte terribili. Tali favole, scritte per bambini, sono così conosciute che ancora oggi il librercolo è presente in Germania in varie edizioni, tutte con le stesse illustrazioni. Generalmente in Italia queste favole non sono conosciute e, a leggerle con la sensibilità di oggi, possono sembrare violente e macabre. Superato il primo impatto, però, tali filastrocche possono rivelarsi, proprio per il tipo di racconti, decisamente avvincenti anche per quei bambini meno sensibili alla lettura.

Pierino Porcospino

Share

Apprendimento e memoria: come migliorare?

Apprendimento

CervelloL’apprendimento è stato facilitato dall’emergere degli affetti: questi, infatti, hanno fornito dei valori per orientare il comportamento, dal momento che le esperienze sensoriali più importanti sono sentite come affettivamente piacevoli o spiacevoli. In seguito gli affetti hanno dato origine ad associazioni con eventi, organismi e oggetti sviluppando le potenzialità dell’apprendimento stesso. Quindi l’apprendimento non è una semplice associazione di idee e le emozioni giocano un ruolo fondamentale. La volontà nell’apprendimento è importante, ma solamente nella misura in cui orienta l’attenzione e cerca la strategia migliore per raggiungere un apprendimento consolidato. Molto spesso, però, l’apprendimento avviene senza che la nostra volontà giochi un ruolo, quindi l’apprendimento non è un processo esclusivamente intenzionale.

Memoria

Come diceva infatti Dante: Non fa scienza, / sanza lo ritenere, avere inteso (Divina commedia, canto V). Non è una vera conoscenza se non siamo in grado di ricordare dopo avere capito di che si tratta. Cruciale nell’apprendimento è, pertanto, il ruolo della memoria.
Quando si parla di memoria è centrale il concetto di «consolidamento», che è il nome che viene dato ai complessi processi cerebrali che «trasformano le esperienze fugaci in ricordi a breve termine, prima, e in ricordi a lungo termine, poi» (J. Panksepp, L. Biven, 2012, p. 226). Ancora una volta le emozioni giocano un ruolo importante anche in questo processo: i ricordi più solidi sono, infatti, quelli connotati emotivamente.
ApprendereLa memoria, va sottolineato, non è una funzione unitaria e ne esistono diverse tipologie. Una distinzione importante è tra memoria procedurale, o implicita, e la memoria esplicita. La prima è quella legata, soprattuto, alle conoscenze pratiche, come il saper nuotare o l’andare in bici; la seconda, invece, comprende la memoria dichiarativa, appresa attraverso lo studio o l’esperienza, la memoria autobiografica, legata ai ricordi importanti per noi, e la memoria fattuale, formata dai ricordi episodici.
La memoria non corrisponde ad una variazione sinaptica: il ricordo non corrisponde ad un particolare neurone o ad un collegamento tra determinati neuroni. La memoria deve essere vista come una funzione di sistema dovuta all’interazione di reti multidimensionali che coinvolgono gruppi di neuroni. I ricordi, pertanto, sono «necessariamente associativi e non sono mai identici» (G. Edelman, 2004, p. 45). Tale sistema dinamico è influenzato, quindi, dai vari sistemi sensoriali, dai sistemi emotivi e dalle altre funzioni superiori.

Come migliorare l’apprendimento?

Per migliorare l’apprendimento è necessario tenere in conto, innanzitutto, dell’aspetto emotivo. Si parla spesso di filtro affettivo, cioè quella barriera emotiva che impedisce al cervello di operare al pieno delle sue funzioni. Sappiamo oggi, da studi scientifici, che un coinvolgimento emotivo migliora l’apprendimento e lo rende stabile nel tempo. Quindi è importante appassionare, incuriosire, entusiasmare gli studenti se vogliamo che imparino meglio e in modo duraturo.
Gli studi sulla memoria suggeriscono, inoltre, un approccio allo studio multidimensionale, utilizzando vari canali e sensi per veicolare le informazioni (immagini, letture, audio ecc…).
In questa concezione, la comprensione dell’argomento e il collegamento con le altre conoscenze sono di grande sostegno all’apprendimento, dal momento che moltiplicano gli accessi alla conoscenza.
Il coinvolgimento emotivo, la multidimensionalità e la guida nella comprensione sono tre pilastri fondamentali per un apprendimento efficace: laddove uno di tali aspetti dell’insegnamento venisse depotenziato (ad esempio a causa di difficoltà cognitive che riducono la capacità di comprensione o nei casi in cui la multidimensionalità sia ridotta) è necessario concentrare gli sforzi nel potenziare maggiormente gli altri due pilastri, e soprattutto curare l’aspetto emotivo. Perché, come scrisse Plutarco, «la mente non è un vaso da riempire ma un legno da far ardere».


Bibliografia:

Share

La maratona e il sentimento di appartenenza

Maratona di Berlino

In tedesco si chiama Zusammengehoerigkeitsgefühl ed è il sentimento di appartenenza ad un gruppo. Ho sentito per la prima volta questo termine quando, insieme ad un amico, mi son ritrovato ad organizzare una maratona a Berlino. Il progetto non era nato proprio come maratona. Si sa che le città cambiano a seconda dei mezzi con cui ci si muove: esistono delle città in metropolitana, delle città a piedi, delle città in taxi e delle città in auto. A entrambi piacciono molto la città a piedi e un paio di volte abbiamo camminato anche per 4-5 ore di fila, con qualche pausa caffè. Così ci siam proposti di organizzare qualcosa con più persone, anche sconosciuti. La mia idea era quella di una lunga passeggiata nelle strade di Berlino, esplorando nuovi quartieri, scoprendo caffè particolari e facendo nuove amicizie. Lui, tedesco e sportivo, ha proposto di utilizzare il percorso della maratona di Berlino, lungo 42 chilometri, perché oltre ad essere pronto e definito aveva anche il pregio di includere gran parte dei quartieri della città. Sarebbe stata una maratona a passeggio e io, che non ho mai corso una maratona, ho pensato che fosse un’idea interessante.
L’attività è stata rilanciata su alcuni social network e ha avuto subito molto successo, raccogliendo rapidamente circa 20 partecipanti. Il percorso partiva e si concludeva ad AlexanderPlatz e la partenza era prevista alle 9. Rispetto ai tedeschi partecipanti ero vestito meno sportivamente ma avevo più scorte di cibo e di acqua. Il risultato è stato sentire di più i dolori fisici ma non i crampi della fame. Condividere il cibo è stato anche un modo per iniziare a parlare con gli altri partecipanti: ho così stretto amicizia con una ragazza francese che lavorava come insegnante, con una ragazza giapponese che viveva in Germania da quando era bambina e con un ragazzo di Amburgo che lavorava nell’e-commerce. La maratona è durata poco più di 11 ore, comprese le pause per il bagno, ma il gruppo si è ristretto nel frattempo a 12-13 partecipanti. Nessun morto, solo qualche ferito.
Io non ho terminato la maratona. O meglio: non ho terminato la prima maratona. Infatti ce ne sono state altre e continuano ad essercene. Nella prima mi son rititato a ¾ del percorso, per un problema al tendine del piede destro, nella seconda ho interrotto a metà perché avevo un impegno, mentre nella terza sono riuscito ad arrivare fino alla fine ma quasi perdendo l’uso degli arti inferiori.
Molti mi hanno chiesto perché l’ho fatto. Ho risposto che una vita straordinaria è fatta di eventi fuori dall’ordinario, ma non ci ha creduto nessuno. La verità è che non lo so. Forse è vero quel che ha detto un amico di Monaco: a Berlino avete troppo tempo libero.

Citazioni a cui ho pensato mentre scrivevo:

  • Prima di giudicare un uomo cammina per tre lune nelle sue scarpe. (Proverbio sioux)
  • Anche un viaggio di mille miglia inizia con un passo. (Lao Tzu)
Share