Come fili d’erba che si piegano

Buona Ventura - Caravaggio“La puzza da profugo non se andava mai via!”, questa frase mi è rimasta impressa tutti questi anni. Ho lavorato per circa un anno con una suora che era stata in Cambogia e mi raccontava che, per quanto provasse a lavare i vestiti, a far areare il posto in cui viveva, c’era un odore forte che non se ne andava mai. L’ho pensato varie volte quando sentivo una puzza di stantio che veniva da alcune persone. Qualche italiano e molti rom.

In Italia ci sono due gruppi principali tra quelli che vengono chiamati zingari: i rom e i sinti. Si chiamano così perché nella loro lingua quelle parole indica la loro gente. La gran parte di loro è italiana, nata qui e con i documenti italiani. Ciò non è strano. Ci sono molte persone nate qui che hanno costumi e lingue diverse da quelle riconducibili ai canoni tradizionali (semmai ce ne fossero): quelli nati in provincia di Bolzano che parlano tedesco e non si nutrono di pasta, i valdostani col francese, alcuni calabresi col greco antico, i sardi ecc…

Viaggiando spesso con i mezzi e dato che sulla strada per casa dei miei c’è un campo rom, con molti di loro ci ho viaggiato con regolarità.
Nei primi anni dell’università ho conosciuto una ragazza molto carina, avrà avuto 18-19 anni. Capelli neri, raccolti, orecchidi dorati, stivaletti, ben truccata e suonava la fisarmonica. Normalmente la fisarmonica è una cosa da uomini, nella loro cultura. Evidentemente lei era una rom sui generis. Aveva una fierezza nello sguardo che poteva esser scambiata per arroganza ma aveva anche un bel sorriso benevolo. L’ho rivista qualche tempo fa, mentre facevo visita ai miei. Aveva un figlio e un compagno. Ho pensato che si fosse uniformata. Ma questo, forse, perché ho in testa l’idea che una donna forte debba essere una donna sola. Invece è più probabile che una tosta sia tosta sempre.

Una volta ero sul bus e di fronte avevo un ragazzo rom, con i capelli biondastri e un sorriso a 32 denti (qualcuno cariato). Cominciamo a parlare e mentre il bus passa davanti ad una concessionaria mi dice che vorrebbe avere un’auto come quelle. Io penso tra me e me: perché non la rubi? Però poi gli dico: io no, non ho neanche la patente. E lui ride: neanch’io!

Una sera ero sulla metro A con la matta della metro A: una signora sui 60-70 anni, bassina, bionda, con I guanti alle mani che urla sempre che è in ritardo. Una sorta di versione horror del bianconiglio. Sale una donna rom con il figlio in braccio e comincia la sua tiritera: “sono una ragazza povera, con solo 5 centesimi…”. Mentre sta parlando l’altra donna le fa: “ebbasta! Anche io sono povera ma non faccio questo teatro!”. La rom si ferma, la guarda e comincia a camminare a passi decisi senza neanche distogliere lo sguardo. Si avvicina, mette la mano nel borsello e tira fuori tutti le monete che aveva, ed erano un mucchio, e le fa: “tieni”. La matta la guarda stupita e fa: “Che? Ma no… tienili tu, ne hai più bisogno di me. E comunque scusa se ti ho rovinato lo spettacolo!”.

Certo, ho visto alcune ragazze rubare, ho visto un vecchietto che puzzava tanto da costringermi ad allontanarmi. Ma ho visto anche un ragazzo di 12 anni insultato da altri, ho visto gli spintoni ricevuti, le derisioni. Conosco le difficoltà che hanno gli operatori sociali quando cercano di mandare i bambini rom a scuola e conosco i problemi del tornare a casa dopo lavoro e temere di essere derubato o anche del dover viaggiare con i cattivi odori.

Parlare dei rom come fossero un mucchio indistinto, non-umani, intendendo con questo la possibilità di fargli cose che neppure vogliamo che siano fatte agli animali. Parlare dei rom dimenticando non solo la pietà e il rispetto, ma anche la realtà oggettiva: i rom non sono tutti Casamonica. Parlare dei rom dimenticando che nei campi di concentramento c’erano anche loro, insieme a ebrei, omosessuali, cristiani dissidenti. Tutto questo non è politicamente scorretto e quindi giusto. È stupido.

C’è una canzone rom che recita: noi rom siamo come l’erba del campo, che può piegarsi sotto la pioggia ma torna sempre ad essere accarezzata dal vento.

Fiabe, racconti e tradizioni insolite

Der Struwwelpeter - Favole tedescheC’era una volta una bambina che, nonostante le fosse stato proibito, cominciò a giocare con fiamme e fiammiferi. Improvvisamente l’abito e i capelli presero fuoco e morì incenerita. Un bambino fu ripetutamente avvisato di non succhiarsi i pollici, ma lui imperterrito continuava. Così un sarto lo insegui e glieli tagliò con delle grosse forbici. Tre ragazzi videro un giovane nero e cominciarono a deriderlo sghignazzando. Nikolaus li vide e li gettò in un calderone pieno di inchiostro rendendoli più neri della notte.

Queste appena narrate sono alcune delle fiabe più celebri nel nord Europa. Tali favole si trovano nella raccolta “Der Struwwelpeter“, in tedesco, e sono scritte come filastrocche. Il testo è stato scritto da Heinrich Hoffmann nel 1845, quando il suo figlio maggiore doveva compiere tre anni. Hoffmann, che di professione era medico e psichiatra, aveva deciso di scrivere il libro per il figlio come regalo di Natale, raccontando delle storie a suo dire divertenti. Il libro è stato poi pubblicato ed è divenuto talmente famoso da entrare nell’immaginario collettivo. In Italia il testo è stato tradotto, con il titolo “Pierino Porcospino“, da Gaetano Negri per i tipi della Hoepli‎, dove tutt’ora è presente nel catalogo. In inglese è stato, invece, tradotto da Mark Twain.
Pierino Porcospino - Favole tedescheLe dieci storie presentate con simpatici disegni, sono tutte a scopo educativo, come da tradizione. I protagonisti delle filastrocche sono soprattutto bambini disobbedienti o distratti che, a causa delle loro azioni, ricevono dei castighi a volte terribili. Tali favole, scritte per bambini, sono così conosciute che ancora oggi il librercolo è presente in Germania in varie edizioni, tutte con le stesse illustrazioni. Generalmente in Italia queste favole non sono conosciute e, a leggerle con la sensibilità di oggi, possono sembrare violente e macabre. Superato il primo impatto, però, tali filastrocche possono rivelarsi, proprio per il tipo di racconti, decisamente avvincenti anche per quei bambini meno sensibili alla lettura.

Apprendimento e memoria: come migliorare?

Apprendimento

CervelloL’apprendimento è stato facilitato dall’emergere degli affetti: questi, infatti, hanno fornito dei valori per orientare il comportamento, dal momento che le esperienze sensoriali più importanti sono sentite come affettivamente piacevoli o spiacevoli. In seguito gli affetti hanno dato origine ad associazioni con eventi, organismi e oggetti sviluppando le potenzialità dell’apprendimento stesso. Quindi l’apprendimento non è una semplice associazione di idee e le emozioni giocano un ruolo fondamentale. La volontà nell’apprendimento è importante, ma solamente nella misura in cui orienta l’attenzione e cerca la strategia migliore per raggiungere un apprendimento consolidato. Molto spesso, però, l’apprendimento avviene senza che la nostra volontà giochi un ruolo, quindi l’apprendimento non è un processo esclusivamente intenzionale.

Memoria

Come diceva infatti Dante: Non fa scienza, / sanza lo ritenere, avere inteso (Divina commedia, canto V). Non è una vera conoscenza se non siamo in grado di ricordare dopo avere capito di che si tratta. Cruciale nell’apprendimento è, pertanto, il ruolo della memoria.
Quando si parla di memoria è centrale il concetto di «consolidamento», che è il nome che viene dato ai complessi processi cerebrali che «trasformano le esperienze fugaci in ricordi a breve termine, prima, e in ricordi a lungo termine, poi» (J. Panksepp, L. Biven, 2012, p. 226). Ancora una volta le emozioni giocano un ruolo importante anche in questo processo: i ricordi più solidi sono, infatti, quelli connotati emotivamente.
ApprendereLa memoria, va sottolineato, non è una funzione unitaria e ne esistono diverse tipologie. Una distinzione importante è tra memoria procedurale, o implicita, e la memoria esplicita. La prima è quella legata, soprattuto, alle conoscenze pratiche, come il saper nuotare o l’andare in bici; la seconda, invece, comprende la memoria dichiarativa, appresa attraverso lo studio o l’esperienza, la memoria autobiografica, legata ai ricordi importanti per noi, e la memoria fattuale, formata dai ricordi episodici.
La memoria non corrisponde ad una variazione sinaptica: il ricordo non corrisponde ad un particolare neurone o ad un collegamento tra determinati neuroni. La memoria deve essere vista come una funzione di sistema dovuta all’interazione di reti multidimensionali che coinvolgono gruppi di neuroni. I ricordi, pertanto, sono «necessariamente associativi e non sono mai identici» (G. Edelman, 2004, p. 45). Tale sistema dinamico è influenzato, quindi, dai vari sistemi sensoriali, dai sistemi emotivi e dalle altre funzioni superiori.

Come migliorare l’apprendimento?

Per migliorare l’apprendimento è necessario tenere in conto, innanzitutto, dell’aspetto emotivo. Si parla spesso di filtro affettivo, cioè quella barriera emotiva che impedisce al cervello di operare al pieno delle sue funzioni. Sappiamo oggi, da studi scientifici, che un coinvolgimento emotivo migliora l’apprendimento e lo rende stabile nel tempo. Quindi è importante appassionare, incuriosire, entusiasmare gli studenti se vogliamo che imparino meglio e in modo duraturo.
Gli studi sulla memoria suggeriscono, inoltre, un approccio allo studio multidimensionale, utilizzando vari canali e sensi per veicolare le informazioni (immagini, letture, audio ecc…).
In questa concezione, la comprensione dell’argomento e il collegamento con le altre conoscenze sono di grande sostegno all’apprendimento, dal momento che moltiplicano gli accessi alla conoscenza.
Il coinvolgimento emotivo, la multidimensionalità e la guida nella comprensione sono tre pilastri fondamentali per un apprendimento efficace: laddove uno di tali aspetti dell’insegnamento venisse depotenziato (ad esempio a causa di difficoltà cognitive che riducono la capacità di comprensione o nei casi in cui la multidimensionalità sia ridotta) è necessario concentrare gli sforzi nel potenziare maggiormente gli altri due pilastri, e soprattutto curare l’aspetto emotivo. Perché, come scrisse Plutarco, «la mente non è un vaso da riempire ma un legno da far ardere».


Bibliografia:

La maratona e il sentimento di appartenenza

Maratona di Berlino

In tedesco si chiama Zusammengehoerigkeitsgefühl ed è il sentimento di appartenenza ad un gruppo. Ho sentito per la prima volta questo termine quando, insieme ad un amico, mi son ritrovato ad organizzare una maratona a Berlino. Il progetto non era nato proprio come maratona. Si sa che le città cambiano a seconda dei mezzi con cui ci si muove: esistono delle città in metropolitana, delle città a piedi, delle città in taxi e delle città in auto. A entrambi piacciono molto la città a piedi e un paio di volte abbiamo camminato anche per 4-5 ore di fila, con qualche pausa caffè. Così ci siam proposti di organizzare qualcosa con più persone, anche sconosciuti. La mia idea era quella di una lunga passeggiata nelle strade di Berlino, esplorando nuovi quartieri, scoprendo caffè particolari e facendo nuove amicizie. Lui, tedesco e sportivo, ha proposto di utilizzare il percorso della maratona di Berlino, lungo 42 chilometri, perché oltre ad essere pronto e definito aveva anche il pregio di includere gran parte dei quartieri della città. Sarebbe stata una maratona a passeggio e io, che non ho mai corso una maratona, ho pensato che fosse un’idea interessante.
L’attività è stata rilanciata su alcuni social network e ha avuto subito molto successo, raccogliendo rapidamente circa 20 partecipanti. Il percorso partiva e si concludeva ad AlexanderPlatz e la partenza era prevista alle 9. Rispetto ai tedeschi partecipanti ero vestito meno sportivamente ma avevo più scorte di cibo e di acqua. Il risultato è stato sentire di più i dolori fisici ma non i crampi della fame. Condividere il cibo è stato anche un modo per iniziare a parlare con gli altri partecipanti: ho così stretto amicizia con una ragazza francese che lavorava come insegnante, con una ragazza giapponese che viveva in Germania da quando era bambina e con un ragazzo di Amburgo che lavorava nell’e-commerce. La maratona è durata poco più di 11 ore, comprese le pause per il bagno, ma il gruppo si è ristretto nel frattempo a 12-13 partecipanti. Nessun morto, solo qualche ferito.
Io non ho terminato la maratona. O meglio: non ho terminato la prima maratona. Infatti ce ne sono state altre e continuano ad essercene. Nella prima mi son rititato a ¾ del percorso, per un problema al tendine del piede destro, nella seconda ho interrotto a metà perché avevo un impegno, mentre nella terza sono riuscito ad arrivare fino alla fine ma quasi perdendo l’uso degli arti inferiori.
Molti mi hanno chiesto perché l’ho fatto. Ho risposto che una vita straordinaria è fatta di eventi fuori dall’ordinario, ma non ci ha creduto nessuno. La verità è che non lo so. Forse è vero quel che ha detto un amico di Monaco: a Berlino avete troppo tempo libero.

Citazioni a cui ho pensato mentre scrivevo:

  • Prima di giudicare un uomo cammina per tre lune nelle sue scarpe. (Proverbio sioux)
  • Anche un viaggio di mille miglia inizia con un passo. (Lao Tzu)

Senza coscienza e senza amore

Stout M., 2005, The sociopath next door, New York, Brodway Books

The sociopath next door

Sono individui apparentemente come tutti gli altri: uomini e donne di successo, mariti, mogli, genitori. Eppure non provano alcuna remora per le proprie azioni, non sentono alcun imperativo morale e non sono in grado di amare: sono senza coscienza, sono sociopatici.
L’individuo sociopatico riconosce la propria diversità ma non vive come dramma questo stato anaffettivo. Allo stesso tempo, però, sperimenta una profonda noia che cerca di esorcizzare mediante frequenti stimolazioni, anche con l’uso di sostanze, e attraverso l’esercizio della dominanza sociale, con comportamenti predatori che mettono in atto soprattutto verso i soggetti più brillanti. I sociopatici tendono a manipolare e controllare, fingendo sentimenti e giocando con quelli degli altri e vivono il rapporto con gli altri considerando soprattutto i vantaggi che tali rapporti permettono. Nonostante tale forza, tali individui tendono a voler essere compatiti e mostrarsi come vittime.
Generalmente tali persone vivono nomalmente in società: la Stout afferma che ben il 4% della popolazione degli Stati Uniti sarebbe sociopatico, ma solo il 20% dei detenuti in carcere lo è. Eppure l’assenza di senso morale e di rimorso, la tendenza a manipolare e l’istinto alla dominazione sociale rendono i sociopatici dei soggetti pericolosi, sia per gli individui che per la tenuta della società stessa. A questa duplice questione, a livello individuale e a livello comunitario, la Stout dà una duplice risposta.

La risposta individuale

Dal punto di vista psicologico, Martha Stout propone delle regole per gestire i rapporti con un sociopatico:

  • per prima cosa «accettare che alcuni individui letteralmente non hanno coscienza»;
  • in un conflitto tra ciò che sulle persone ci dice l’istinto e ciò che ci dice il ruolo che ricoprono è meglio «seguire gli istinti»;
  • in ogni nuovo rapporto «praticare la regola dei tre»: tre bugie, o tre promesse infrante o tre responsabilità negate sono una dimostrazione dell’assenza di coscienza;
  • le persone con la coscienza tendono, in netta maggioranza, a seguire ciecamente l’autorità. Importante, quindi, è che le restanti persone con la coscienza mettano in discussione ogni autorità;
  • «sospettare dell’adulazione»;
  • «se necessario, ridefinite il vostro concetto di rispetto». Questo non va confuso con la paura e chi sfrutta questo sentimento non sta esercitando una forma di rispetto;
  • non giocare mai al gioco dei sociopatici e non competere con loro:
  • «il modo migliore per proteggere te stesso da un sociopatico è evitarlo» e «rifiutare ogni forma di contatto o comunicazione»;
  • «mettete in discussione la vostra tendenza a compatire troppo facilmente»;
  • «non provare a redimere l’irridemibile»;
  • non aiutare «un sociopatico a nascondere il suo vero carattere»;
  • difendete la vostra psiche;
  • vivere bene è la migliore vendetta. (M. Stout, 2000, pp. 156-161).

La risposta culturale

La sociopatia è legata per il 50% al patrimonio genetico e per il restante 50% a fattori educativi, sociali e culturali, dove quelli culturali sono quelli più rilevanti. Dal punto di vista sociale, Martha Stout sottolinea come una cultura individualistica, come quella occidentale, possa premiare socialmente i sociopatici, permettendo una loro pericolosa scalata sociale. Infatti individui sociopatici sono sicuramente presenti anche nelle culture orientali, ma lì la dimensione sociale e l’importanza del gruppo costituiscono una forte spinta alla collaborazione.
Volendo trovare una prospettiva positiva in questo testo, possiamo sicuramente considerare l’importanza di orientare la costra educazione verso una maggiore responsabilità sociale e cura degli altri. Quella de Frans De Waal chiama una nuova età: l’età dell’empatia (F. De Waal, 2009).

Dove comprare i libri cartacei online

LibriLe piccole librerie possono essere dei piccoli gioielli in grado di stupirci, accoglierci e, magari con un libraio affabile, guidarci nei nostri acquisti. Quando però abbiamo meno tempo, meno voglia di uscire o semplicemente vogliamo spendere meno, abbiamo sempre la possibilità di acquistare i libri online.
Nel vasto mondo di internet, alcune librerie online offrono un ottimo servizio e prezzi migliori. Queste sono le mie scelte:

Ibs.it è uno dei principali siti internet dove comprare libri e ebook online. Molti libri sono scontati del 15% (sconto massimo che si può applicare ordinariamente in Italia) e nella sezione reminder se ne trovano molti scontati del 50% e, in alcuni periodi, addirittura del 60-70%. Nel sito ci sono anche ebook e giochi da tavolo, anche se l’assortimento di questi ultimi non è così vasto. Gli ebook sono in formato ePub e PDF e possono essere letti con l’e-reader Tolino. Per ordini superiori ai 29 euro le spese di spedizione sono gratuite. Gli ordini sono in genere puntuali e l’assistenza è cortese. Il sito offre inoltre la possibilità di accumulare dei punti che danno diritto ad ulteriori vantaggi, come la spedizione gratuita di singoli libri o il 15% su tutti gli articoli.

 è il grande sito di vendite online statunitense, sbarcato in Italia nel 2011. Il sito offre una vasta scelta di libri, molti dei quali scontati al 15%, e molti ebook, anche in varie lingue. Gli ebook di amazon sono in formato .mobi e possono essere letti solo dai kindle amazon. Su Amazon, come sappiamo, è possibile comprare di tutto e a volte con forti riduzioni. Le spese di spedizione per ordini superiori ai 29 euro sono gratuite. In alcuni casi, però, se il venditore è esterno al sito le spese di spedizione possono non essere incluse e variare da prodotto a prodotto.

è un sito che coordina molte piccole librerie che mettono a disposizione un vasto catalogo di libri introvabili, rari o antichi, alcuni scontati anche del 30-50%. Per gran parte dei libri e librerie c’è la possibilità di un contatto diretto per richiedere ulteriori informazioni. Gli ordini superiori a 50 euro non prevedono spese di spedizione.

è il sito internet della casa editrice e catena di librerie Feltrinelli. Sul sito è possibile acquistare libri ed ebook, anche di altre case editrici e con riduzioni maggiori rispetto al negozio fisico. Il sito offre inoltre la possibilità di conoscere la disponilità o meno dei vari libri nei negozi Feltrinelli più vicini e, qualora fossimo interessati, di riservare i libri da ritirare successivamente in negozio. Va specificato che la riserva del libro vale per le 24 ore successive quindi, se è rimasta solo una copia di quel libro, non è garantito che sia messo da parte. Il sito offre, inoltre, libri ebook in formato ePub e PDF e possono essere letti con l’e-reader Kobo.
Le spese di spedizione sono gratuite per ordini superiori ai 29 euro. Il sito offre inoltre la possibilità di accumulare punti che danno diritto a ulteriori sconti.

è un ottimo sito per libri usati anche (o soprattutto) scolastici. Non tutti i libri sono in ottime condizioni, ma in ogni caso c’è sempre la possibilità di restituirli gratuitamente. Oltre agli usati, il sito offre molti testi scontati al 15% e una sezione di remainder al 55%. Sono presenti anche ebook, in formato ePub e PDF da leggere con il lettore Tolino.
Le spedizioni di acquisti superiori ai 29 euro sono gratuite.

Insegnante, educatore e facilitatore

InsegnareChi si occupa di insegnamento e formazione sa che le figure di riferimento possono assumere sfumature diverse a seconda dell’idea che si ha di tale ruolo.‎ In genere, con professore e docente si intendono più i ruoli istituzionali che la loro funzione, che invece viene articolata in vari modi.

Educatore è una figura che viene normalmente legata all’ambito comportamentale e morale. Se la parola latina educare voleva dire tirar fuori, oggi l’educatore sembra essere colui che aiuta a tener dentro o a reprimere gli istinti: tanto meno si è istintivi e tanto più si è educati. L’educatore, per come lo intendo io invece, non deve insegnare a reprimere quanto piuttosto a conoscere le proprie emozioni e a saperle gestire, affinché non solo con ciò migliori il nostro rapporto con gli altri ma, soprattutto, affinché riusciamo a controllare le nostre reazioni. Ciò che va tenuto sotto controllo sono, infatti, le nostre reazioni impulsive e non i sentimenti che le generano, perché quelli non si possono controllare, si possono solo comprendere.

Facilitatore è chi rende qualcosa facile, nel senso di accessibile con sforzi ridotti. Facilitare non vuol dire semplificare, se intendiamo con questo una forma di banalizzazione: di fronte ad un problema complesso, il facilitatore più che guidare lo studente in un sentiero più semplice, pavimenta il percorso tortuoso in modo che lo studente lo possa percorrere in modo autonomo.

Formatore è letteralmente colui che dà forma a ciò che non ce l’ha, che scolpisce quel che è indefinito. Se pensiamo il cervello come un muscolo, il formatore è una sorta di personal trainer che aiuta ad affinarlo.

Insegnante è chi lascia un segno profondo. Insegnante è la persona che con il proprio comportamento, le proprie azioni e le proprie parole segna profondamente la persona che ha di fronte e diviene quindi un modello, in genere nella sua accezione positiva. In tal modo, l’insegnante influenza le decisioni e il percorso delle persone di cui si prende cura.