Lessico – La filosofia pre-socratica

Agnosticismo Dottrina che afferma che non possiamo affermare né che Dio esista né che Dio non esista e quindi, sull’esistenza di Dio, dobbiamo sospendere il nostro giudizio.
Aporia In greco vuol dire: luogo non attraversabile.
L’aporia è una conclusione logicamente impossibile.
Arché In greco vuol dire: principio.
Per arché i greci intendono:
– ciò che causa;
– ciò che è all’inizio;
– ciò che determina l’essenza.
Ateismo Dottrina che afferma che Dio non esiste.
Contingente Che può essere e può non essere.
Cosmologia Dal greco: kòsmos → universo + logos → discorso/ragionamento.
La cosmologia è la ricerca/studio sull’universo e la sua origine.
Deduzione
(metodo deduttivo)
È un ragionamento (o modo di conoscere) che parte da un concetto generale e arriva a conclusioni particolari.
Determinismo Dottrina che considera la realtà come determinata da cause e che quindi esclude che esista la libertà o il caso.
Dicotomia È la divisione in due parti.
Epistemologia Dal greco: epistéme → scienza + logos → discorso/ragionamento.
L’epistemologia indaga i limiti e le possibilità della scienza.
Esoterico Segreto.
Essenza Ciò che rende qualcosa quel qualcosa.
L’essenza è diversa dall’insieme delle caratteristiche di un oggetto.
Essoterico Pubblico.
Estetica Dal greco: esthetis →sensazione.
L’estetica si occupa della sensibilità, quindi del bello, del sublime, dell’arte e della conoscenza attraverso i sensi.
Etica Dal greco: ethos →costume.
L’etica studia/ricerca le norme e i valori che regolano il comportamento umano. L’etica studia cos’è il bene. cos’è il male e come dobbiamo agire.Viene anche chiamata Morale:
Dal latino: mos→costume/modo di vita.
Filosofia Dal greco: philein → amare + sophia → sapienza
Filosofia vuol dire “amore per la sapienza”.
La filosofia è la ricerca di princìpi e concetti fondamentali per comprendere la realtà, usando come guida la sola ragione.
Filosofia politica La filosofia politica è la branca della filosofia che si occupa del rapporto tra i soggetti, quindi del potere, della libertà e della giustizia.
Gnoseologia Dal greco: gnosis → conoscenza + logos → discorso/ragionamento.
La gnoseologia è la ricerca/studio sulle possibilità, i limiti, la natura e la validità della conoscenza.Viene anche chiamata Filosofia teoretica:
Dal greco: theoréo → osservo.
Induzione
(metodo deduttivo)
È un ragionamento (o modo di conoscere) che parte dai dati particolari e arriva al concetto generale.
Logica Dal greco: logos → discorso/ragionamento.
La logica è lo studio/ricerca sul modo in cui ragioniamo.
Logos Logos ha numerosi traduzioni: parola, discorso razionale, ragionamento.
Il logos per i primi filosofi è il ragionamento con cui si cerca di spiegare la realtà.
Materialismo Dottrina che considera la materia come principio e causa di tutto.
Meccanicismo Dottrina che considera la realtà come causata da leggi meccaniche (quindi legate al movimento e alla materia).
Metafisica Dal greco: metà tà physika → ciò che è oltre la natura.
La metafisica è una branca della filosofia e studia le cause ultime e i principi da cui tutto proviene
Monismo Dottrina che considera tutta la realtà come originata da un solo principio.
Mythos (Mito) Dal greco: mythos → racconto.
Il mito è un racconto verosimile che si usa per spiegare la realtà.
Il mito è legato alla tradizione, alla religione e, quindi, ai sacerdoti.
Necessario Che non può non essere, quindi deve essere.
Ontologia Dal greco: on òntos, essente + logos→ discorso/ragionamento.
L’ontologia è la ricerca/studio sull’essere e sulla realtà generale.
Panteismo Dottrina che afferma Dio e la realtà sono identici.
Paradosso Dal greco paradòxos → ciò che è lontano dalla comune opinione.
I paradossi sono affermazioni in cui si evidenziano le contraddizioni degli argomenti degli altri.
I paradossi portano a conclusioni impossibili, per questo si parla anche di dimostrazione per assurdo.
Physis Dal greco phyein → generare, crescere, produrre.
Rispetto al nostro concetto di natura, i greci intendono per natura:
– gli oggetti naturali;
– gli eventi naturali;
– le essenze di questi oggetti e di questi eventi.
Scuola filosofica Gruppo di studiosi o di pensatori che condividono concetti, studi e prospettive filosofiche.
Teologia Dal greco: theòs → Dio + logos → discorso/ragionamento.
La teologia è la ricerca/studio sull’esistenza e l’essenza di Dio.

Scarica la versione PDF.

Share

Socrate: vita e filosofia

SocrateSocrate nasce ad Atene nel 468 o 469 a. C., sappiamo la sua data di nascita dal processo in cui è stato condannato a morte. Muore nel 399 a. C. e la sua morte viene raccontata in un testo di Platone chiamato Apologia di Socrate («apologia» vuol dire «difesa»).
Socrate si inserisce nella cultura di questi anni ma non scrive nulla. Le notizie sul suo conto le abbiamo da Platone, Senofonte e dalle commedie aristofanesche (Le nuvole e Gli uccelli), quindi da fonti indirette. Aristofane fa di tutto per far somigliare Socrate a un sofista: in modo critico e a volte polemico lo rappresenta come un perdigiorno. Senofonte ci parla di lui nei suoi Memorabili. Platone, invece, pone Socrate al centro della rappresentazione dei suoi primi dialoghi. Egli lo ha incontrato diverse volte nelle sue conversazioni pubbliche.

Socrate

Socrate viene dalla media borghesia, il padre Sofronisco è uno scultore, la madre Fenarete è levatrice, cioè aiuta le donne a partorire. Il filosofo vive nel demo (circoscrizione) di Alopece, segue le fasi della paideia (educazione classica), quindi studia musica, canto, poesia e fa il militare. In questo modo acquisisce una piena cultura.

Satiro

Socrate viene rappresentato come una figura satiresca, cioè è come un satiro (figura del mito greco), quindi basso, rozzo e brutto. Durante la sua vita ha una famiglia con tre figli. La moglie di Socrate si chiama Santippe ed è descritta come una donna con i capelli rossi e il carattere aggressivo. Socrate studia ad Atene e si allontana dalla città solo in tre campagne militari per fare il soldato, come oplita (armato alla leggera, senza cavallo). Socrate non ha mai fatto politica, si interessa solo di filosofia. La filosofia per lui è come un esame di se stesso e degli altri che non finisce mai.

Share

Matematica, medicina e filosofia

MatematicaFino ad Aristotele, il sapere è considerato in modo unitario: aritmetica, geometria, medicina, astronomia, filosofia sono considerate strettamente legate tra loro. Con Aristotele, i vari saperi si articolano in modo più specifico, anche se uno studioso può occuparsi di più tipi di conoscenze.
Il sapere inteso in modo unitario è fondamentale per comprendere la filosofia antica.

MedicinaDue articolazioni di questo sapere, però, hanno svolto un ruolo importante nel definire e nel modellare la filosofia. Queste due branche del sapere sono rilevanti soprattutto per Platone e Aristotele. Le due articolazioni sono: la matematica e la medicina.

Share

Protagora

ProtagoraProtagora nasce ad Abdera tra il 491 e il 480 a. C. egli è un sofista e fa l’insegnante ad Atene. Nel 444 a. C. Pericle, che governa su Atene, decide di fondare una colonia a Turi (città vicino a Bari) e chiede a Protagora di fare le leggi di questa città. Dopo la morte di Pericle, però, c’è un governo che non è favorevole a Protagora ed egli viene accusato da Pitodoro di Polizero per aver detto delle cose contro la divinità. Nel 411 a. C. Protagora viene processato e, dato che è condannato a morte, sceglie l’esilio e se ne va in Sicilia. Nel viaggio verso la Sicilia, però, la sua nave affonda ed egli muore.
Delle sue opere rimangono pochi frammenti dato che sono state bruciate dal tribunale di Atene.

Egli vuole insegnare le regole per amministrare la casa e lo stato, attraverso l’istruzione (in greco: paideia) politica incentrata sul sofismo. Per Protagora, lo scopo della pedagogia è come una proporzione: «il sofisma sta al sofista come il farmaco sta al medico». Egli vuole cambiare le cattive disposizioni psichiche in buone.

Protagora insegna le varie forme del discorso: la preghiera, il comando, l’osservazione. Per Protagora il discorso deve essere così codificato: esordio, narrazione, enucleazione, discussione finale.
Insegnava anche tecniche per valorizzare la propria padronanza linguistica. Protagora inserisce anche il discorso socratico: comunicava attraverso domande e risposte.

Protagora fa spesso esercitare i suoi studenti su alcuni temi chiedendo di scrivere due tesi opposte su ogni tema. Egli pensa che su ogni argomento si possono costruire due opinioni contrarie, questo vuol dire anche che ogni cosa può essere osservata da un altro punto di vista e per questo la parola è molto importante.

Share

Gorgia

GorgiaGorgia nasce a Leontini (oggi Lentini), in Sicilia, tra il 490 e il 483 a. C. e sembra che sia morto dopo i cento anni. Gorgia è figlio di un medico e la sua è una famiglia ricca.
La sua capacità oratoria (cioè la capacità di fare discorsi) lo rende famoso prima in Tessaglia e poi ad Atene. Spesso sfida i cittadini a teatro chiedendo loro di fargli delle domande ed egli è capace di rispondere a tutto. Scrive molte opere tra cui un trattato sul Non essere e due discorsi retorici.
Secondo le testimonianze, muore a 109 anni, in Tessaglia, presso re Giasone.

Gorgia

Tra i suoi allievi più famosi ci sono: Isocrate (uno storico), Crizia (uno dei 30 tiranni), Alcibiade (uno dei guerrieri più forti) e Tucidite (grandissimo storico).

Share

Atene e i sofisti

Mentre i primi filosofi sono attivi soprattutto nelle colonie, dell’Asia minore e della Magna Grecia, a partire da Anassagora la filosofia arriva ad Atene e qui conosce un periodo di enorme importanza, tanto da diventare una delle città-simbolo della filosofia.

Atene

A legare la filosofia alla città di Atene è anche il fatto che la dea protrettrice della città di Atene è Atena e la civetta di Atena (o nottola di Minerva, che è la corrispondente divinità romana) è considerato il simbolo della filosofia.

Civetta di Atena

Share