Adam Smith

Adam Smith (1723-1790) è un economista e filosofo scozzese, convinto sostenitore del liberismo e della capacità del mercato di giungere al miglior risultato possibile, senza bisogno di intervento esterno.

Adam Smith

L’opera più importante di Adam Smith è il trattato Nelle ricerche sopra la natura e la causa della ricchezza delle nazioni, pubblicato nel 1776, che è considerato la prima opera sistematica di economia politica.

La divisione del lavoro

Adam Smith parte dal concetto di lavoro produttivo e di divisione del lavoro. La divisione del lavoro permette alle persone di specializzarsi ed effettuare le operazioni in modo più rapido.

Secondo Smith a seguito della divisione del lavoro:
– il lavoratore effettuando la stessa operazione aumenta la propria efficienza e svolge i compiti più velocemente;
– vengono aumentati i ritmi di produzione, dal momento che l’operaio non deve passare da una mansione all’altra; 
– si possono introdurre macchinari che velocizzino il lavoro.

La mano invisibile

Adam Smith è convinto che se l’individuo è libero di agire, contribuirà al benessere della società. Secondo Smith, ogni uomo compie scelte che conducono a massimizzare il suo vantaggio (piacere o utilità). Tale movente egoistico, però, conduce anche al migliore risultato collettivo e alla gestione efficiente delle risorse. Per Smith c’è quindi un accordo tra l’interesse dell’individuo e quello collettivo. Adam Smith dice che esiste come una “mano invisibile” in grado di trasformare i vizi privati in pubbliche virtù, senza che i singoli ne siano consapevoli.

Il liberismo

Adam Smith afferma e difende la libertà di scambio ed è per questo considerato il padre del liberismo. Il liberismo è una dottrina economica che sostiene che il compito di regolare l’attività economica spetta solo al mercato e non allo stato. 

Smith è convinto che sia necessario rimuovere tutti gli ostacoli che limitino la libertà del mercato e sostiene il laissez-faire, cioè l’idea che il mercato quando è lasciato libero è in grado di auto-regolarsi e trovare l’equilibrio migliore possibile.

Share

Thomas Malthus

Thomas Robert Malthus (1766 – 1834) economista e politico inglese nel suo Trattato sulla popolazione, sostiene che la popolazione (umana) cresce secondo una progressione geometrica (per esempio 2, 4, 8, 16, …), mentre le risorse necessarie per la sua alimentazione crescono secondo una progressione aritmetica (per esempio 3, 6, 9, 12, …). In tale crescita abbiamo due tipi di freni: i freni preventivi, che riducono la natalità (leggi a favore del controllo demografico), e i freni positivi, che aumentano la mortalità (carestie, epidemie e guerre).

Thomas Malthus

Non importa quali siano i numeri di partenza: prima o poi la popolazione supera le risorse e la crescita non può continuare e, senza un controllo demografico, l’umanità può solo aspettarsi catastrofi che riequilibrano il rapporto popolazione-risorse.

 

 

Share

Hannah Arendt

Hannah Arendt è stata una delle menti filosofiche più brillanti del Novecento. La sua storia personale si intreccia agli eventi del secolo. Nonostante il suo percorso e la sua produzione, Arendt affermerà di essersi congedata dalla filosofia.

Hannah Arendt

Share

Populismo e demagogia

Populismo e demagogia

Il termine populismo viene un omonimo movimento che è nato in Russia tra Ottocento e Novecento. Questo movimenti voleva il miglioramento delle classi più povere attraverso delle azioni rivoluzionarie e con la propaganda. Il termine poi è stato adottato per descrivere alcuni fenomeni politici latino-americani, come il peronismo o il chavismo. Questi ultimi fenomeni avrebbero in comune il forte rapporto tra il leader carismatico, che ha molto potere, e le masse popolari.

Il populismo è spesso accompagnato, nella sua retorica, dall’esaltazione delle virtù del popolo e dall’attacco alle oligarchie politiche ed economiche. Nella storia italiana è divenuto celebre il movimento politico del Fronte dell’Uomo Qualunque, che aveva fatto della sfiducia nella politica e nelle istituzioni il suo cavallo di battaglia.

Il termine populista, in italiano, viene usato molto frequentemente in senso negativo e viene associato a quello di demagogo.

La demagogia è il modo di ottenere consenso e potere attraverso promesse difficilmente realizzabili, mediante l’appello ai sentimenti e l’incitazione all’odio verso gli avversari.

Share

Liberale, liberista, libertario e libertino

Sappiamo tutti che le parole non usate in modo corretto possono generare confusione. Vi proponiamo, allora, quattro termini che hanno sfumature e significati particolari che spesso non hanno in altre lingue.

Liberalismo è il pensiero che lo stato si debba limitare di fronte ai diritti dei cittadini. Ma è un limite soprattutto etico e politico. Il padre più famoso del liberalismo è sicuramente John Locke.

Liberismo è invece il pensiero che lo stato debba lasciare assoluta libertà di produrre e commerciare, quindi assoluta libertà economica. Il padre del liberismo è Adam Smith.

Secondo il filosofo Benedetto Croce, il liberismo è un concetto inferiore e subordinato a quello di liberalismo. E in Italia si può essere liberali senza essere liberisti.

Libertarismo è poi quel pensiero di una libertà politica vicina all’anarchia. Il libertario vuole ridurre al minimo le funzioni dello stato a favore della libertà e della responsabilità degli individui.

Libertinismo invece sostiene la libertà di pensiero soprattutto in materia di morale e religione.

Share

Autorità, autorevole e autoritario

Il pifferaio di Hamelin

Per autorità si intende, in italiano, un insieme di qualità che una persona o un’istituzione devono avere per fare in modo che altri individui si assoggettino in modo volontario.

L’autorità è, in italiano, un insieme di qualità possedute da una persona o un’istituzione. Queste qualità fanno in modo che altri individui si sottomettano in modo volontario a queste istituzioni.
L’autorità è diversa dal potere. Il potere è, infatti, la capacità di raggiungere alcuni obiettivi. Il potere può essere illegittimo e non giustificato. L’autorità, se è vera, è sempre giustificata e legittima. Chi ha l’autorità ha sempre la possibilità di esercitare il suo potere ma chi ha il potere non sempre ha l’autorità per farlo.

Quando, però, una persona o un’istituzione hanno le qualità dell’autorità ma non hanno potere si dice che queste persone abbiano l’autorevolezza.

Autorevole è quella persona o istituzione che ha autorità, quindi che è degna di rispetto, che merita fiducia, ma che non ha un potere da esercitare.
Anche in senso più generico, dire che una persona in un certo campo ha l’autorevolezza vuol dire che è degna di fiducia quando si esprime a riguardo. Invece dire che una persona ha l’autorità in un certo campo vuol dire che quella persona gode del potere legittimo di stabilire principi e regole.

Quando un’autorità abusa del proprio potere si dice che è autoritaria. Quindi autoritaria è quella persona o istituzione che usa il proprio potere legittimo oltre la propria legittimità.
Dato che quando si esercita il potere si limita la libertà degli altri, autoritario è diventato anche sinonimo di dittatoriale o liberticida.

Share