Parigi val bene una messa

L’espressione “Parigi val bene una messa” si fa risalire alle lotte religiose che hanno insanguinato la Francia alla fine del ‘500.

Con la diffusione del calvinismo in Francia, la lotta tra cattolici e protestanti si fa molto forte. Il re, Enrico III di Valois, è cattolico ma c’è una fazione cattolica che vorrebbe una lotta più dura verso i protestanti. Questa fazione è guidata da Enrico di Guisa. La fazione protestante, invece, è guidata da Enrico di Borbone, re di Navarra.  Lo scontro è passato alla storia come “lotta dei tre Enrichi“.

Enrico IV di Borbone

Nel 1588 Enrico di Guisa prende accordi con la Spagna ed Enrico III lo fa uccidere. Enrico III, allora,  si allea con Enrico di Borbone e per questo viene accusato di appoggiare gli ugonotti (calvinisti francesi) e un fanatico cattolico lo uccidere.
Prima di morire Enrico III nomina Enrico di Borbone come suo successore.  Il papa Sisto V dichiara non valida l’incoronazione di Enrico IV, essendo egli calvinista, e il re di Spagna, Filippo II, invade la Francia.

Nel 1593 Enrico IV, per risolvere la situazione si converte al cattolicesimo e il nuovo papa, Clemente VIII, lo riconosce come re.
“Parigi val bene una messa” è, appunto, attribuita a Enrico IV e comunemente indica la rinuncia alla propria fede, o alle proprie convinzioni, per raggiungere o mantenere una posizione di potere.

Share

Quiz didattici e Test

I quiz e test con domande a risposta multipla aiutano a verificare velocemente le conoscenze. I quiz didattici possono essere usati per ripassare e mettere alla prova le nostre nozioni.

Quiz didattici

 

Filosofia

La nascita della filosofia 
La scuola di Mileto 
Talete
Anassimandro 
Anassimene 
Pitagora 
Eraclito 
Parmenide 
Zenone 
Empedocle 
Democrito 
Anassagora 
Lessico: La filosofia presofistica – Test 1Test 2  
Atene e i sofisti 
Gorgia 
Protagora 
Matematica, medicina e filosofia 
Socrate

Share

We Can Do It!

We Can Do It! è un manifesto statunitense di propaganda della Seconda Guerra Mondiale, creato nel 1943 da J. Howard Miller per la Westinghouse Electric come immagine per sollevare il morale dei lavoratori. Il manifesto è conosciuto anche come “Rosie the Riveter” e rappresenta un’operaia donna nell’industria bellica. Durante la guerra l’immagine non aveva lo scopo di reclutamento, ma di esortare le operaie a lavorare più duramente. L’immagine di “We Can Do It” viene poi usata, negli anni Ottanta, per promuovere il femminismo.

Share

Zio Sam

Zio Sam (in inglese: Uncle Sam) è una personificazione degli Stati Uniti d’America. La prima illustrazione di questo personaggio risale al 1917, durante la Prima guerra mondiale. Questo manifesto, disegnato da James Montgomery Flagg, viene utilizzato per reclutare i soldati sia nella prima che nella seconda guerra mondiale.

Share