Capi dell’Unione Sovietica

Nel 1917, con la Rivoluzione di febbraio, la Russia diventa una Repubblica. In seguito alla Rivoluzione di ottobre (1917) e all’ascesa di Lenin, nel 1922 la Russia prende il nome di Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche URSS ) che arriverà a comprendere 14 repubbliche. Nel 1923 il Partito bolscevico prende il nome di Partito comunista dell’Unione Sovietica (PCUS) e la Costituzione gli assegna il ruolo di partito unico. I capi del partito comunista diventano quindi capi dell’Unione Sovietica fino alla sua dissoluzione nel 1991.

Stemma dell'Unione Sovietica

Nome Anni Eventi
Vladimir Lenin 1922-1924 Guida la Rivoluzione d’ottobre  nel 1917.
Esce dalla Prima guerra mondiale nel 1918 (con il trattato di Brest-Litovsk).
Dopo aver adottato il comunismo di guerra, nel 1921 adotta la NEP (nuova politica economica).
Iosif Stalin 1924-1953 Sostiene il “socialismo in un solo paese” contro Trovsky che parla di “rivoluzione permanente“.
Dal ’36 al ’38 realizza le grandi purghe.
Progetta dei piani quinquennali di sviluppo industriale forzato.
Nel 1939 fa un patto con Hitler (accordo Ribbentrop-Molotov).
Nel 1941 risponde alla dichiarazione di guerra della Germania e nel 1945 l’Armata rossa arriva a Berlino.
Dal 1945 comincia la guerra fredda con gli USA.
Georgij Malenkov 1953  
Nikita Chruščëv 1953-1964 Adotta una politica di apertura.
Nel 1955 promuove il Patto di Varsavia in risposta alla NATO.
Nel 1956 pubblica un rapporto sulla violenza utilizzata da Stalin.
Nel 1956 manda l’Armata rossa per reprimere le proteste in Ungheria.
Nel 1962 fa installare dei missili a Cuba causando una crisi con gli USA.
Leonid Brežnev 1964-1982 Nel 1968 reprime duramente un
tentativo riformatore dei comunisti cecoslovacchi definito «primavera di Praga».
Jurij Vladimirovič Andropov 1982-1984  
Konstantin Černenko 1984-1985  
Michail Gorbačëv 1985-1991 Radicale svolta: apertura all’economia di mercato, maggiore libertà di informazione,  e distensione internazionale.
L’8 dicembre 1991 lo stato sovietico si dissolve.
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*