Eraclito

Nel VI sec. a. C. Efeso è la città più ricca che si affaccia sull’oriente. La città si trova poco lontano da Mileto e da Samo, dove si trova Pitagora. Nella città c’è un grande tempio dedicato ad Artemide, chiamato Artemisio, e un grande fiume. Nella cultura del mondo greco l’Artemisio è considerato una delle 7 meraviglie dell’arte architettonica. In questa polis, nel 504 a. C. (69° olimpiade) nasce Eraclito.

EraclitoFiglio di Blosone, si dice che Eraclito sia orgoglioso, altezzoso e nobile. Eraclito appartiene alla famiglia regale di Efeso ed è proiettato verso una grande carriera politica ma che non seguirà per la sua opposizione alla polis. La sua famiglia ha molti privilegi e uno di questi è la scelta del basileus che è re e sacerdote allo stesso tempo. Antistene ci dice che Eraclito rifiuta di diventare basileus e lo lascia fare al fratello.
In quel tempo Ermodoro, amico di Eraclito, vuole dare nuove norme legislative alla città ma viene cacciato ed Eraclito afferma: «Gli efesini, dai giovani in su, dovrebbero tutti impiccarsi per quello che essi meritano e lasciare il governo della città ai bambini. Essi hanno cacciato Ermodoro, l’uomo da cui potevano trarre maggior giovamento».
Gli abitanti chiedono allora a lui di cambiare le leggi ma egli si rifiuta, dicendo che la costituzione è ormai troppo corrotta e si ritira nell’Artemisio. Lì, si dice che giocasse ai dadi con i bambini. Alle persone che gli chiedono perché risponde: «di che cosa vi meravigliate? Non è meglio giocare con i bambini piuttosto che partecipare alla vita politica della città?».

Eraclito si ammala di idropisia e tornato in città chiede ai medici di curarlo. Vista l’incapacità dei medici, si sotterra sotto il letame lasciando che il calore del letame asciughi i liquidi. Si narra che poi uscito dal letame viene sbranato da una muta di cani che non lo avrebbero riconosciuto come essere umano.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*