Dalla nascita dell’Impero Ottomano alla Turchia

Società e cultura turco-arabo-islamica

A capo dell’impero c’è il sultano, con un potere assoluto. Il sultano ha potere sia politico sia religioso ed è aiutato da personale amministrativo e militare.

Il sultano sceglie i ministri più importanti (chiamati visir).

Il sultano ha un esercito scelto da lui. Questi soldati hanno una ferrea disciplina, non possono sposarsi e vivono in comune. Tali soldati sono chiamati giannizzeri.

I giannizzeri

Alcuni termini importanti

Emiro → viene dall’arabo amir e vuol dire comandante. È un titolo utilizzato dai principi nei paesi musulmani.

Sultano → viene dall’arabo sulṭàn e vuole dire detentore dell’autorità di governo. È un’autorità politica che tra gli ottomani assume anche la posizione di califfo.

Califfo → viene dall’arabo khalifa e vuol dire vicario di Dio. Il titolo è attribuito ai più meritevoli della comunità. Il califfo è il discendente del profeta. Il califfo è un’autorità religiosa suprema che, però, non può modificare la dottrina. Il califfo assume in seguito il potere politico.

Imam → in origine è il sovrano della monarchia universale. Per i sunniti corrisponde al califfo, mentre per gli sciiti deve essere erede diretto di Muhammad.
Comunemente si intende colui che dirige la preghiera rituale in comune.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*