Logica formale

Modus ponens e modus tollens

I ragionamenti possono seguire degli schemi.


Modus ponens

Se diciamo:
“Se Marina è colpevole, anche Antonio è colpevole. Marina è colpevole, quindi Antonio è colpevole”.

Questo ragionamento ha due premesse e una conclusione:
1° premessa: Se Marina è colpevole, anche Antonio è colpevole
2° premessa: Marina è colpevole
Conclusione: Antonio è colpevole

Lo schema si può scrivere come:
A → B,
A            
B

Questo ragionamento è chiamato modus ponens.


Modus tollens

Se diciamo:
“Se un triangolo è isoscele, allora ha due angoli congruenti; il triangolo non ha due angoli congruenti, quindi il triangolo non è isoscele”.

Questo ragionamento ha due proposizioni:
A: un triangolo è isoscele
B: un triangolo ha due angoli congruenti
Inoltre c’è una implicazione: A→ B

Lo schema si può scrivere come:
A → B,
non-B  
non-A

Questo ragionamento è chiamato modus tollens.

 

Quiz di riepilogo:

 
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*