Persepolis

“Nella tua vita conoscerai parecchi imbecilli. Se ti daranno dei dispiaceri, pensa che è la loro stupidità che li induce a farti soffrire. Questo ti eviterà di ripagarli con la stessa moneta. Perché non c’è nulla di peggio a questo mondo che il rancore e la vendetta… Cerca di mantenerti sempre onesta e degna di te stessa” è una citazione dal libro Persepolis, di Marjane Satrapi, uscito per la prima volta nel 2002-2003. Il volume è un fumetto autobiografico che racconta la vita dell’autrice in Iran. Un libro su una “donna indomita”, come recita il sottotitolo francese: “Quel giorno appresi una cosa fondamentale: non si ha il diritto di autocompatirsi finché i propri problemi sono ancora accettabili… e quando invece non lo sono più, il solo modo di sopportare l’insopportabile è di riderci sopra.”. Ma è anche un libro sull’Iran e i suoi sconvolgimenti: “Il regime aveva capito che una persona che usciva di casa domandandosi: “Avrò i pantaloni abbastanza lunghi? Sarà a posto il foulard? Si noterà che sono un po’ truccata? Mi frusteranno?” non si chiedeva più: “Dov’è andata a finire la mia libertà di pensiero? Potrò mai esprimermi liberamente? Vale la pena continuare a vivere? Cosa fanno ai prigionieri politici?”. Più in generale è un libro sulla crescita e sulla formazione personale: “Una volta di più ero giunta all’eterna conclusione: bisognava istruirsi”. Nel volume compare spesso la parola “integrità”, intesa non come obbedienza a dettami che vengono dall’esterno, ma come rispetto della nostra stessa identità. Ricordandoci che, al di là di quanto ci possano far credere, “La libertà ha sempre un prezzo”.

Persepolis

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*